HandMade & Robot

Fatto a Mano e Robotica a confronto

SOPHIA la Donna Robot o Robot Donna

Sophia la Donna Robot che riceve la cittadinanza dall’Arabia Saudita

Non è una notizia nuova, perchè risale alla fine di ottobre del 2017, ma ci abbiamo messo questo tempo per riuscire a sostenere il disagio creato da questa notizia.

Il produttore è la Hanson Robotics,

che lo-la, non si sa come sia giusto dire, definisce un robot sociale di Intelligenza Artificiale. Per quanto mi riguarda, non vedo il sociale, ma solo uno spettacolo pietoso fatto dagli uomini per gli uomini.

La parola Robot

Una volta per tutte, siamo consapevoli del significato profondo della parola robot,  trae si origina dalla parola in  ceco Robot (estratto da robota ‘lavoro forzato’), nome degli automi che agiscono come operai in un dramma di K. Čapek (1890-1938).

Ai lavori forzati ci stanno gli schiavi e le schiave, esseri umani che non sono padroni di se stessi, ma sotto il controllo totale di altri esseri umani.  Sophia quindi, che non possiamo definire come essere umano ma come duplicante involontario di una donna, è due volte schiava ed è veramente un oggetto nelle mani del suo creatore.

Sophia ottiene la cittadinanza

Gli uomini degli Emirati Arabi, ai quali Sophia viene presentata in un evento in pompa magna,  la riconoscono come essere umano di genere femminile, meritevole di un diritto, peraltro fondamentale, che non viene facilmente riconosciuto alle donne in carne e ossa del paese.

Povera Sophia.Uno stereotipo enciclopedico ambulante e parlante

Ma soprattutto, mi commuove la espressività di Sophia, che pare profondamente triste, tranne qualche tirato sorriso di circostanza. Non perchè mi identifichi con lei ma riconosco ancora una volta e definitivamente come gli uomini, anche quelli super tecnologizzati, continuino a nutrire in seno i peggiori stereotipi maschili su quale debba essere il comportamento ideale delle le donne nei loro confronti. E aggiungo che in questo caso il suo creatore è garantito al cento per cento sul suo inoppugnabile dominio sulla sua creatura.

Se avessi voglia di scherzare, voglia che non ho, potrei pensare che finalmente abbiamo risolto il dramma dei femmincidi, poichè, come dice un robot detective di un videogame, “Non può morire chi non è vivo.”

Certo, questo presuppone la sostituzione delle donne in carne ossa con le donne robot, tema già illustrato in qualche film anche nostrano.

Come sfatare il mito dell’Innovazione

Se si arriva a inserire nella Intelligenza Artificiale di un robot donna tutti i peggiori stereotipi, per favore non parliamo più di innovazione e passi in avanti delle nuove magnifiche tecnologie. Ricordiamo sempre che quello che Sophia dice è esattamente quello che il suo produttore ha inserito negli algoritmi della Intelligenza Artificiale

Da notare i comportamenti maschili al suo cospetto. Il video

INTERVISTA A SOPHIA SU YOU TUBE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *