HandMade & Robot

Fatto a Mano e Robotica a confronto

Mackintosh bruciata ancora la sua scuola d’arte

Arriva in questi giorni la notizia ferale dell’incendio che colpisce per la seconda volta la scuola d’arte di Mackintosh a Glasgow.

In ricostruzione da anni, dopo l’incendio del 2014, oggi si ripete la stessa sventura.

Espressione somma dell’Art Nouveau in Gran Bretagna, Charles Rennie Mackintosh Mackintosh rappresenta ancora oggi il pensiero e la mano naturale e visionaria, protesa verso l’alto, alla ricerca di una armonia che, a suoi tempi minacciava di perdersi, schiacciata dal galoppante industrialismo.  Le sedie in particolare, a mio gusto, rappresentano la sua aspirazione inesausta alla ricerca di armonie formali e dinamiche, fino alle estreme tensioni della portata.

Charles Rennie Mackintosh sviluppò un proprio stile,

una mano forte negli angoli ma anche dettagliata e morbida nelle decorazioni floreali, con rose e curve delicate.

Glasgow School of Art

Il progetto che gli diede risonanza internazionale fu proprio quello della Glasgow School of Art, negli anni fra 1897 e il 1909, in piena Art Nouveau.

Mackintosh, come molti protagonisti dell’Art Nouveau nel mondo, e come il movimento stesso, fu una specie meteora, che lasciò un forte segno e tracciò la strada di quello che oggi chiamiamo design, e valore delle Arti Applicate.

Lode a Charles Rennie Mackintosh

Fu grande poeta delle forme, uomo dalle sedie alte e tese, che mi piacciono moltissimo.La sua sedia è più un oggetto altamente simbolico, che un raffinato oggetto d’uso. Per certi aspetti rimanda a  reminiscenze gotiche, ma  gli alti schienali sono anche simbolo di regalità, un trono, semplice, adatto a ogni persona. Amava il legno, lo usava molto, ma lo copriva accuratamente di lacche nere, anteprima di un prossimo stile industriale, ma anche di un volo spaziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *